Giocare sporco: anatomia di un attacco DDoS tramite game server

Trovate qui la traduzione italiana del mio articolo pubblicato sul numero 29 di ClubHACK Magazine.

Gli attacchi di tipo Distributed Denial of Service (DDoS) sono l’arma più comune e facile da utilizzare per creare grossi problemi e danni molto visibili ad un determinato bersaglio, e con uno sforzo molto limitato.

Questo attacco è senza dubbio quello più utilizzato dai gruppi di hacktivist, poiché necessita di un tool molto comune (come LOIC), e si basa sulla rabbia di centinaia, se non migliaia, di persone disposte a fare qualcosa di semplice. La sua efficacia deriva anche dal fatto che è un attacco molto complesso da evitare, questo perché gli attaccanti dispongono di una banda di rete enorme, e c’è poco altro da fare se non chiudere i firewall per evitare danni peggiori ai server interni. In ogni caso l’attaccante vince, e i servizi sono giù per un po’ di tempo.

Questo è l’unico lato positivo della storia, l’attacco non può durare a lungo e il “Tango Down“, se correttamente individuato e mitigato con una chiusura completa, durerà pochi minuti, lasciando il tempo a chi l’ha sferrato di bullarsi con il resto del mondo via Twitter.

Devo ammettere che spesso si assiste a società in grado di farsi un attacco DDoS da sole,  pubblicando servizi su server mediocri e con un’architettura di rete ridicola. Così non appena il sito va online tutto viene giù alla prima milionata di richieste della homepage. E questo causa molti più problemi che non un gruppo di hacktivist, non credete?🙂

Tornando all’argomento dell’articolo, questo è il modo classico di eseguire un attacco DDoS, ci sono però altri metodi, più interessanti da analizzare e più raffinati, per creare questo tipo di disservizi.

Lavorando sul campo svolgo spesso analisi post-mortem su attacchi di vario tipo, e recentemente ho analizzato questa modalità di eseguire un DDoS tramite server di gioco online. Vediamo insieme come.

Partiamo dal dire che l’attacco non è eseguito direttamente dall’attaccante, ma usando, come fossero una botnet, un numero elevato di game server custom (cioè gestiti non dalla casa produttrice del gioco, ma da gruppi di fan, spesso illegalmente), sparsi per il globo. Sono loro che attaccheranno il bersaglio.

La Figura 1 mostra come l’attacco è eseguito:

Game server DDoS Attack Flood Scheme

Schema del flood DDoS tramite game server

La prima cosa che colpisce è che, tenendo presente che i game server custom possono essere dislocati ovunque nel mondo e che nascono e muoiono in continuazione, è praticamente impossibile identificare il reale attaccante.

Questo tipo di attacchi non è molto conosciuto, né molto eseguito, ma è stato individuato e descritto per la prima volta lo scorso anno.

Ma perché succede una cosa simile?
Succede perché questi server di gioco sono vulnerabili ad un attacco specifico. L’attacco viene eseguito chiedendo, con un pacchetto fatto ad hoc, lo status di gioco del server. Questa è una richiesta UDP molto piccola, ma se fatta spoofando l’IP sorgente del richiedente, il server risponde a quell’IP con un’enorme quantità di informazioni.

Sempre lo scorso anno uno degli sviluppatori di questi server custom ha pubblicato questa vulnerabilità, e contestualmente rilasciato una patch per risolvere il problema. Naturalmente in molti casi questi server sono del tutto illegali, il software è scaricato chissà da dove, e sono attivi in molte nazioni, comprese Russia e Cina. Non ci si può quindi aspettare che gli amministratori siano molto attenti ad applicare le ultime patch, o che rispondano a qualunque tipo di richiesta. Molto probabilmente chiuderanno bottega e ne attiveranno uno nuovo da un’altra parte.

Avendo modo di lavorare direttamente al caso, posso pubblicare i dettagli dell’attacco, analizzando il traffico reale. Come potete facilmente immaginare, non pubblicherò il bersaglio dell’attacco, né i nomi o gli IP dei game server coinvolti. Questo è solo un case study per capire come funziona questo tipo di performance.

La prima cosa da notare è la tipologia dei pacchetti. Come detto è tutto traffico UDP, di dimensione variabile, inviati alla porta 21 del server oggetto dell’attacco.

Fusso UDP di risposta

Fusso UDP di risposta

Guardando il dettaglio di un paio di flussi, possiamo vedere che il pacchetto è uno statusResponse da un server custom di Call of Duty.

CoD statusResponse

CoD statusResponse 2

Potrei continuare a mettere screenshot per giorni, i server coinvolti nell’attacco erano centinaia, e ognuno aveva inviato un’enorme quantità di risposte. Immagino che i giocatori non fossero molto contenti dei lag nel gioco durante l’attacco!

Call of Duty non è stato l’unico gioco utilizzato, ma erano coinvolti anche dei server Quake 3.

Quake3 game server resposne

E anche in questo caso abbiamo un pacchetto statusResponse.

Quake 3 response

Penso che sarete d’accordo con me nel ritenere questo attacco molto più raffinato e ordinato, rispetto ad un classico DDoS eseguito con LOIC.

Vi domanderete ora come fare ad evitare questo tipo di attacchi.
C’è poco da fare purtroppo.

Mettere in blacklist i game server è una tattica poco efficace, loro e i loro IP vanno e vengono ogni giorno, quindi non servirebbe a molto. Proseguendo con il patching questo tipo di vulnerabilità potrebbe andare a morire, ma ci saranno sempre server vulnerabili in giro, spesso da certe nazioni, pronti ad essere usati per sferrare questi attacchi.

Come al solito la migliore difesa monitorare costantemente cosa accade sulla vostra rete. Solo in questo caso è possibile rispondere rapidamente e provare a mitigare l’attacco, sia tramite blacklist temporanee, sia tramite chiusure dei firewall.

Ma, come al solito, se non vedete nulla non saprete mai cosa sta succedendo.

Federico Filacchione
pubblicato originariamente come “Playing Bad Games: Anatomy of a Game-Server DDoS Attack” su ClubHACK Magazine numero 29.

Un pensiero su “Giocare sporco: anatomia di un attacco DDoS tramite game server

Commenta il post!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...