Vulnerabilità vere e presunte: un esempio

Una delle attività più complesse che un professionista della sicurezza informatica deve fare, soprattutto in un periodo come questo in cui siamo sommersi da informazioni e segnalazioni, è mantenere la capacità di ragionare.

Detta così sembra una banalità, e infatti lo è. Come tutte le cose banali però viene spesso accantonata, dimenticata e sacrificata in nome della fretta, del correre dietro all’ultima patch o di trovare una difesa appropriata all’ultima novità in campo hacker.

Purtroppo questa situazione è fin troppo spesso alimentata dai vendor, che approfittano dell’onda di emergenze, buzzword, articoli improvvisati ma con grande eco della stampa generalista, per vendere l’ultimo prodotto. Che spesso però non serve.

Facciamo un esempio di questa situazione, prendendo spunto da una notizia che si è sparsa parecchio negli ultimi giorni.

Si tratta di un nuova “vulnerabilità” di iOS, che permette di disabilitare il servizio Trova il mio iPhone. C’è anche un video che spiega bene come funziona

Detta così sembra ovviamente molto critica, visto che si tratta di una delle principali funzionalità di sicurezza fornite con iOS. E visto che la notizia ha avuto parecchia eco e grande diffusione sui social (come del resto tutte le notizie di sicurezza che riguardano prodotti Apple) è la tipica notizia che viene sfruttata per creare l’effetto FUD (avevo già parlato del rischio di questo effetto), e magari pubblicizzare il proprio prodotto di gestione di cellulari.

Perché dico sembra? Perché bisogna ragionare, e capire esattamente cosa abbiamo di fronte, e quali rischi reali stiamo correndo. Guardate il video. Come comincia?

Con un iPhone sbloccato.

Ora, ragionando con calma e lucidità (capacità che ogni esperto di sicurezza dovrebbe sviluppare e mantenere costantemente affilate), già questo punto annulla qualsiasi altra vulnerabilità.

Anche senza scomodare la gestione aziendale dei dispositivi mobili, il primo passo indispensabile per mettere in sicurezza il proprio cellulare è attivare il codice di sblocco. Tanto più che si tratta di un iPhone, dove c’è anche la comodità del Touch ID.

Già semplicemente vedendo il primo fotogramma del video abbiamo ridimensionato il tutto, visto che non ha senso parlare di altro, se un ladro che ruba il telefono può avere accesso a tutti i dati e impostazioni senza problema.

Cosa ci insegna questo esempio? Che tutto il rumore fatto da una notizia del genere, si basa su una carenza di sicurezza molto più grande e rischiosa. La vulnerabilità c’è, senza dubbio, ed è anche grave ma non ha senso vedere solo quella, quando si lascia il proprio smartphone alla disponibilità del primo che passa.

Questo esempio è indicativo del modo di ragionare che bisogna sempre mantenere, quello di capire i rischi reali e valutare il contesto. In ambito personale è sempre buona cosa farlo, ma nella sicurezza informatica aziendale è indispensabile ragionare in questo modo.

Anche perché non solo applicheremo un po’ di spirito critico che non fa mai male, ma risparmieremo un bel po’ di soldi per prodotti inutili che, come un caso come questo insegna, non avrebbe comunque risolto il problema di base.

3 pensieri su “Vulnerabilità vere e presunte: un esempio

Commenta il post!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...